venerdì 13 dicembre 2013

Pezze e pezzi


Accade che qualcuno da lontano ci guardi, ci salvi dagli inciampi, ci inviti a volgere lo sguardo, ci accarezzi? Che - impegnati a fare nulla, nel nulla - ci vengano offerti doni speciali, opportunità inattese, presenze luminose?
E' stupido pensarlo?  Non so. Non sarebbe neanche da me spaziare nel metafisico.
Eppure mi capita, adesso voltandomi appena, e guardando le cose da sopra una spalla, di chiedermi chi, o che cosa, mi abbia guidato pelle, scarpe, ossa, denti, parole, fino qui.
Perchè ora, che ho messo un po' di spazio fra me e questo pezzo di Storia, vedo così tante coincidenze, da far paura. Luoghi, persone, fatti, che si sono collocati, sovrapposti, che in qualche modo, attaccati ad un invisibile filo, si sono pescati, uno via l'altro.
Ero lì, ed ho visto, sentito, capito. Ho guardato dietro porte socchiuse mondi che mai mi erano appartenuti. Ho varcato la soglia, a volte.
E tutto, proprio tutto mi si è cucito addosso, come il vestito nuovo di un arlecchino nudo.
Ora me lo liscio con le mani e sorrido grata, ad ogni ritaglio.

10 commenti:

  1. Choice Gioa....buona giornata

    RispondiElimina
  2. Io son convinta che ci son cose nella vita che paiono casuali, ma non lo sono.

    Al momento non te ne accorgi, ma poi accade qualcosa, una sciocchezza che ti fa dipanare tutto ciò che è accaduto davanti a te come una tela che si srotola e vedi... e lì comprendi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così, esattamente questo intendevo.
      Come i disegni coi sassi che fanno i bimbi a scuolai: prima vedi solo pietre, poi spunta un fiore, una casetta, un gatto.

      Elimina
  3. guardare indietro per non incappare in medesimi sbagli?
    ma poi, con quale misura si valutano gli errori?
    No, io tendenzialmente guardo all'oggi, ne più ne meno.
    Bacio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, non con questo sguardo, anzi. E' uno sguardo dolce, molto accogliente e comprensivo. Amo quelle scelte, dolorose o sbagliate, perchè se non le avessi fatte, sarei un'altra Gioietta. :)

      Elimina
  4. Raramente mi guardo indietro al massimo rumino i pensieri per digerirli e certuni sono particolarmente ostici, stanno li per mesi e pure per anni.
    Meglio guardare al domani e godersi l'oggi, il bello del futuro? Non è mai come lo immagini...

    A presto, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un ruminare bello, che mi mette in pace e mi scalda :)
      Un abbraccio a te!

      Elimina
  5. Come i fili di un ricamo: se guardi la coperta da un lato vedi solo un intrico di fili; se invece guardi dall'altra parte trovi un disegno meraviglioso! ...e mentre ricami non sempre ti rendi conto cosa accade da una parte all'altra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava...trovi sempre delle ottime immagini, Daffo...

      Elimina