martedì 12 novembre 2013

Mestieri


Fine mattina alla fotocopiatrice, con una collega. Si parlotta.
In modo sussurrato, criptato e massonico dico qualcosa come non ne posso più di tutto quello che ruota intorno all'insegnamento: beghe, polemiche, ansie genitoriali, riunioni gestionali, comunicazioni, avvisi. Per quanto mi riguarda starei solo con i bambini, ma sta diventando quasi un aspetto secondario. Mi sa che dovrò ripensare a questo mestiere, forse non mi appartiene più se lo vivo così...
Passa Giuseppe, seconda elementare, per andare in bagno. Abbasso prima la voce, poi taccio.
Quando torno in aula, lascia il suo banco e si avvicina furtivo.
"Gioia, tu sei la mia maestra preferita, e anche la preferita di Leo, di Marco...".
Rido di gusto, lo abbraccio.
Lui, serio: "no no, non ridere maestra. E' verità."

21 commenti:

  1. Giuseppe sarà un grande coach nella vita! grande motivatore :0)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai chi sembra? Il bambino che ha recitato nello sceneggiato "Pinocchio"... :)

      Elimina
    2. pinocchio è? quindi gli è cresciuto il naso ?? hihihihiih

      Elimina
    3. Ah ecco...mi mancavi :P

      Elimina
  2. che svelto sto gnometto :)

    ps. anche per me sei la mia maestra preferita
    e mica perchè sei l'unica che conosco :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Urràààààà!
      Sono la teacher preferita del Pier!
      :))

      Elimina
  3. Hanno questo "difetto" i bambini, ti sparano verità serie come se fose nulla, senza preamboli o filtri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che riusciamo a conservarlo 'sto difetto? :)

      Elimina
  4. Mi aggiungo a Giuseppe, Leo, Marco eccetera... decisamente! :)

    Ciao! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma poi non sono all'altezza! Che ansia... :D

      Elimina
  5. Maestra mo basta! mi commuovo sempre... é che mi punzecchi sul vivo di questioni che passano anche sulla mia pelle. Sia quelle negative (beghe e controbeghe), sia quelle positive (il caldo abbraccio e l'affetto sincero dei piccoli gnometti!). Un saluto caro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo, dal punto di vista emozionale, delle privilegiate...
      Ti bacio :)

      Elimina
  6. avere chi ti prende per mano e ti porta lontano è una delle meraviglie della vita: sai che ci sono ma non sai quando accadono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che è vero?
      Anche da grandi...

      Elimina
  7. sapere che sino a qualche istante prima ero piccolo è la prima cosa che mi viene in mente quando penso di essere grande.

    RispondiElimina
  8. Ci sono tante cose che cambiano e nemmeno io le capisco, stiamo diventando vecchi oppure è il mondo che va a rovescio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai ispirato il nuovo post? In realtà l'avevo scritto in bozze ancor prima di leggere il tuo commento...curioso...

      Elimina
  9. Anche la mia preferita, maestra Gioia.
    E non ridere, ch'è la verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia mamma è semplicemente la mia mamma preferita. :)

      Elimina
    2. La mia mamma è semplicemente la mia mamma preferita. :)

      Elimina