mercoledì 19 dicembre 2012

Posta e Gatti


In Posta.
Si annuncia un'attesa di almeno mezz'ora, mi pento di non aver portato il libro.
Troppa gente per i miei gusti, in questo periodo mal tollero il chiasso, i luoghi affollati.
Mi rassegno, e appoggiata al muro osservo la moltitudine di volti, stanchezze, colori.
Arriva un tale, prende il suo bigliettino col numero. Si siede.
"Scusi, può avvisarmi quando arriva il mio turno? Da qui non vedo il display. Ho il 273".
"Guardi, io ho il 272, quindi è subito dopo di me".
"Bene, grazie".
"Prego".
Dopo un attimo si alza, si avvicina. Ha altro da dire.
"Lei è di Reana (paese alle porte di Udine n.d.r.)?"
"No".
"Neanch'io".
Mi viene da ridere ma evito, non vorrei incoraggiare.
"E' che ha un viso noto. Che lavoro fa?"
"La maestra".
"Ah, bello. Io sto facendo domanda per il concorso alle Poste. Ho lavorato a tempo determinato in Posta".
Annuisco, taccio. Mi guarda meglio, più da vicino.
"Ecco chi mi ricorda! Una collega che avevo all'Ufficio Postale! Eravamo come gatto e..."
"Come gatto e cane?", lo interrompo, cercando di concludere in fretta.
"No, no", dice lui ridendo, "eravamo come gatto e gatto!"
Bip. Lampeggia il numero 272. Saluto, mi allontano.
"Buon Natale", dice lui sollevando una mano.

16 commenti:

  1. Appiccicoso :))))
    Seccato subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì! :)
      Ma era, in un suo modo, estemporaneo. Assurdo. Non volgare.

      Elimina
  2. strani incontri in certi luoghi... :)

    RispondiElimina
  3. abbordaggio postale ... :)
    ma di solito ci sono i libri in vendita, alle poste, così mentre uno aspetta legge a sbafo...

    RispondiElimina
  4. Troppa gente intorno a quei libri... :)
    Ci avevo provato.
    Sono una bestia selvatica :)

    RispondiElimina
  5. Un modo originale per abbordare :) Al ragazzo(o anziano, visto il problema di vista ) va dato merito di una certa fantasia. Comunque, tu sei di una gentilezza estrema. Io di solito, rispondo: " Cazzo vuoi?" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era giovane, ma un "giovane-vecchio", non so se hai presente...età indefinibile, un po' alieno...

      Elimina
  6. Me eri tu o una che non conosco?
    Di solito ti vedo affabile
    e anche a me mi hai accettato subito,
    forse aveva solo bisogno di una parola amica.
    Fammi felice, dimmi che sei pentita
    anche se non è vero, che ci vuole?! :-))
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehilà! :))
      Già, ero proprio io... :)
      Non tutti i momenti sono uguali. Ieri guarda, avrei potuto azzannare, e sono stata piuttosto carina, tutto sommato. Tollerante, dai.
      Me la passi? ;))

      Elimina
    2. Ci mancherebbe!
      A te che hai saputo creare un posticino così ti passo tutto.

      Elimina
  7. "Mamma, mammina sono tornato. Ho fatto tutti i servizi che mi hai detto, anche in Posta. C'era una ragazza, dall'aria un po' sciocchina e slavata però, e io come mi dici sempre ci ho provato. Le ho anche detto quella di "gatto-gatto" che tu tanto mi raccomandi di usare, ma non ha riso. Te l'ho detto mammina, le altre donne non sono come te. Tu sei la sola, mammina". (Psycho - Il ritorno).
    L'anonimo spiritoso

    RispondiElimina
  8. ahahah! questo post mi ha fatto scompisciare dalle risate. Che tipo, questo! meno male che è arrivato il tuo turno:-)))!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che nell'estrema tristezza di questo pre-Natale (mi ritirerei sul Monte, adesso, e tornerei a marzo), queste presenze stile K-pax rendono la vita meno prevedibile? ;)

      Elimina