venerdì 24 maggio 2013

La cura

Ascolto un pezzo di Battiato. Non è il mio genere.

I profumi d'amore inebrieranno i nostri corpi, 
la bonaccia d'agosto non calmerà i nostri sensi.
E guarirai da tutte le malattie,
perché sei un essere speciale,
ed io, avrò cura di te. 

Penso all'acqua ferma, stagnante.
Poi alla tempesta, che sorprende e travolge.
Esiste un veleggiare dolce, che increspa i capelli e il cuore?

16 commenti:

  1. Si, quando viene il tramonto e arriva la brezza di terra, tutto si calma e anche il mare sembra che voglia riposarsi, senti solo l'acqua sotto la chiglia e vivi qualche momento che non vorresti finisca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene. Anzi, bène, con la "e" aperta.
      Perchè qui nel nord est la chiudiamo male. Stretta.
      Siamo gente difficile, ma che sa guardare il mare.
      Baci :)

      Elimina
  2. C'è una strofa che non mi piace in quella canzone: "ti proteggerò [...] dai fallimenti che normalmente attirerai..."
    Normalmente?
    Normalmente mi scappa un "vaff..." (mica l'ha inventato quello là).
    Peccato perchè tutto il resto è splendido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti.
      Ehi tu, a proposito di nord-est...visto che tempo?
      Altrochè mare... :(

      Elimina
    2. L'acqua che mi prendo in queste notti si può misurare a litri.
      Però è colpa dell'abbigliamento aziendale insufficiente.
      In realtà il cielo ogni tanto, piange con me.
      Mica posso fargliene una colpa.

      ;-)

      Elimina
    3. Ci fa compagnia, il cielo.

      Elimina
  3. Solo quando su uno scoglio si assorbono i raggi del sole, accarezzando i pensieri con lo sguardo rivolto verso il largo, dove la linea dell’orizzonte non ha confini col cielo... il respiro si disperde insieme all'ascolto delle acque che s'infrangono pian piano sugli scogli.
    Il maestro Battiato è geniale sia in musica che parole. Sai, proprio l'altro giorno mi soffermavo ad ascoltare "Il cammino interminabile".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci penzi quannu abballamu
      E dintra all'occhi tutte e dui ni vaddamu.

      Che bella...

      Elimina
    2. Credo siano proverbi siciliani.
      Se vuoi sapere come sarai domani osserva i tuoi pensieri di oggi...

      Elimina
  4. "Avrò cura di te, perché sei un essere speciale" mi fa pensare più alla promessa fatta per un figlio piuttosto che per un amante. Ma si sa l'amore ha mille declinazioni.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimane in tutte le sue declinazioni un bellissimo testo...
      Ciao Raffaella :)

      Elimina
  5. Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
    dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via.
    Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
    dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai.
    Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore,
    dalle ossessioni delle tue manie.

    a me sta parte mi ha sempre lasciato un pò perplesso,
    o gliele gufa o le da della sfigata ... mah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, come diceva Insight...io non avevo mai afferrato quel passaggio ;)

      Elimina
  6. Quanto è bella.

    Adoro questa canzone, mi piace la prosa cerebrale di Battiato.
    Anche quando non lo afferro bene.

    Mi piace un sacco,maestra.

    RispondiElimina