lunedì 8 ottobre 2012

Fitness e pregiudizi


Vado in palestra. E si sa.
Ma sono una specie di scoria, della suddetta.
Niente tutina aderente e scarpa tecnologica. Niente canotta firmata e asciugamano al collo.
Rifuggo dai discorsi pausa-pranzo delle donne che invece hanno optato per la tutina aderente.
"Guarda, mi tocca portare il piccolo da inglese a basket oggi, sono già stressata".
"Mangi la barretta??? Ma avrà 300 calorie!"
"Claudio? Potrei camminargli davanti nuda, e non se ne accorgerebbe".
"Stasera ragazze, tacco dodici e mojito! I mariti, a casa!"
No. No, fate finta che io non ci sia, tanto mi confondo con la tappezzeria. Non coinvolgetemi in questo teatrino, che poi mi passa la voglia di saltellare.
Ma.
Ecco che oggi, mentre da brava pecora nera mi cambio senza esibire le intimità e senza attraversare lo spogliatoio con deliberata lentezza da est a ovest (giuro, c'è chi lo fa. E magari si aggiusta pure i capelli mentre chiacchiera), ne scorgo un'altra. Anche lei. Di schiena, a farsi un po' gli affaracci suoi.
Ci scrutiamo, ci riconosciamo. Appartenenti alla stessa razza.
La più molesta delle amiche logorroiche sta tenendo banco.
"Onestamente, sarà pure una buona scuola, ma io vedo uscire tanti di quegli extracomunitari da lì! Non per essere razzisti sai, ma hanno le loro abitudini. Arrivano in ritardo, non vanno mai ai compleanni, non salutano...preferisco la scuola delle suore, credimi, c'è un po' di selezione".
L'altra, la mia simile, si volta. Sembra sul punto di dire qualcosa, poi dà un'alzata di spalle, rinuncia. Mi sorride. Le strizzo l'occhio.
Bene, non sono sola.

8 commenti:

  1. si ma nella foto tu quale sei??

    RispondiElimina
  2. Piccoli razzismi quotidiani, insomma.
    Io ormai sono talmente estranea all'ambiente palestra che faccio yoga da un'istruttrice che adibisce allo scopo la dépendance di una villa, non sua, e doccia ciascuna a casa propria :-)

    RispondiElimina
  3. Certo, altro ambiente, ho ben presente. Più sano.
    Ma la sottoscritta ha bisogno di sudare e faticare. Dalla palestra, io devo uscire stremata. Allora sì, vedo i colori... :)

    RispondiElimina
  4. Capisco benissimo la sensazione, provata per anni. Poi ho chiuso definitivamente con le palestre. Ma la cosa che mi ha colpita di più è il discorso delle suore. E' vero che fanno selezione? Ma... e i principi cristiani? o_O

    RispondiElimina
  5. Sai, facile che la scuola privata tenda a selezionare...la retta è già un deterrente... :(

    RispondiElimina
  6. Ma poi la cosa che noto spesso in palestra, è come le donnine wonderwoman sparlino tranquillamente di tutto ciò che gli fa comodo, dando per assodato che tu fai parte della loro categoria. Non gli passa manco per la testa, che forse tu potresti appartenere alla cerchia delle non-oche.

    Comunque: pensa che io sto talmente per le mie in palestra, che l'istruttore stesso una volta m'ha perso in disparte e mi ha detto: "Noce, senti, già che non parli con nessuno, perché non vieni di mattina presto, che ci sono solo le over 60?"

    E io infatti, adesso vado la mattina presto, e quando mi gira chiacchiero pure tantissimo :D

    RispondiElimina
  7. Simpatiche le over 60 però!!!! :))

    RispondiElimina