mercoledì 7 agosto 2013

Ieri, oggi, domani

 
 
Ti penso sempre: pur non avendoti conosciuta prima mi è sembrato di intuire che la tua attuale vitalità sia ancora più esplosiva per una ritrovata libertà, per un desiderio di recuperare tempo perduto portandoti dietro il buono della tua Prima Vita.
Un percorso accidentato...non farti male. 
Così mi scrive un'amica, che mi vede adesso, così come sono, e non sa della mia preistoria.

Ieri, dopo un pranzo leggero in un vecchio locale ombroso e lento, come lo sono questi luoghi pre-montani, esco e cerco posto sotto un acero. Accendo una sigaretta.
Poco più in là, una vecchia e bella signora dai capelli candidi, elegantissima, si dedica alla stessa occupazione. Mi osserva.
"Dopo mangiato", dice sorridendo "non si può farne a meno".
Disquisiamo. Sul fumo, sulla vita. Lucida, brillante, mi mette giù civettuola i suoi ottantaquattro anni, e piega appena la testa di lato, pronta a raccogliere il mio stupore.
"Sa cosa facevo nella vita?", chiede.
Mi vien voglia di azzardare, ma capisco che gode di questo raccontarsi.
"Facevo la maestra, qui sul lago".
Sorrido. Ecco, lo sapevo.

21 commenti:

  1. Sei delicata come una brezza in questi giorni d'estate.

    :-)

    RispondiElimina
  2. tra colleghe ci si intende ;0)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, le maestre di ogni tempo hanno quella vena da rompiballe...che si coglie all'istante! :D

      Elimina
  3. hai controlato se aveva scarpe inadatte? :P

    diario di una maestra sul lago ... si devo averlo letto il suo blog tanto tempo fa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO!!!!!! Non ho guardato le scarpe!
      Grave mancanza, accidenti.
      Me ne dolgo Pier...

      Elimina
  4. Strane coincidenze o piccoli segni da interpretare..
    Ottimo intuito e molto bella l'immagine scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I segni in questo periodo della mia vita, sono infiniti...

      Elimina
  5. E poi dicono che il fumo fa male...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io lo dicevo che non era vero... :)

      Elimina
  6. Credo che molte cose non capitino per caso.. e questa penso sia tra quelle :) ah, molto intense le parole usate dalla tua amica, le tue vabbe ormai..non serve sottolinearne ogni volta la delicata e finissima profondità ;) però non devi fumare, ecco! Ahahah, ciao ^^

    RispondiElimina
  7. Delizia.
    Pare l'inizio di uno di quei filmoni accidentati che mi piacciono tantissimo.

    Controlla la tua casella mail, maestra. ;)

    RispondiElimina
  8. Che bell'incontro e che bel modo di condividerlo con noi. Grazie.
    Quanto alla vena rompiballe delle maestre di ogni tempo devo ammettere con rammarico che è così ;-) Non tutte fmano però...

    RispondiElimina
  9. fumano... digiuno, ma mi mangio le vocali in questi giorni afosi di agosto :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, lo so bene...
      Le mamme-maestre dei miei alunni poi... :))))

      Elimina
    2. Anche mia madre insegna.
      Inglese per l'esattezza.
      Maestra-teacher.
      Nå cagacazzo oh, come nessuna mai.

      Elimina
  10. Te sarai così?
    Gli insegnanti non scendono mai dalla cattedra
    Che palle he siete!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso non sono così...ma invecchiando... :D

      Elimina