martedì 27 agosto 2013

Luoghi e stupori


Era da tanto che volevo vederlo, fotografarlo.
Il vecchio cotonificio Amman di Pordenone risale al 1875: una serie di padiglioni a capanna ormai in stato di totale abbandono.
Oggi mi accompagnava un quattordicenne dagli occhi vivaci e curiosi. L'Andrea. 
La zia di Andrea ci ha lasciati all'ingresso. Ingresso. Un buco largo mezzo metro in uno sbarramento di legno.
E noi siamo scivolati dentro.
L'Andrea, che faticano a tenere tranquillo, che scrocca sigarette alle amiche della mamma, e scappa di notte calandosi dal terrazzo, ama la fotografia. Vede le cose, coglie i dettagli, si stupisce.
Sapevo che si sarebbe entusiasmato, che avrebbe amato la bellezza delle cose dimenticate.
E scattava, e si infilava in ogni porta semiaperta, e mi chiamava a gran voce mostrandomi oggetti, spiragli, colori.
"Stai attento a quello che fai", gli dico mentre si arrampica su una scala improbabile che sale verso il nulla.
Lui si volta.
"No, tu non puoi dirmelo!", risponde ridendo.
Ecco, prendi e metti via. Mi tocca tacere e fotografare la sua gioia.

12 commenti:

  1. La gente capace di fotografare mi ha sempre ispirato una gran fiducia, my teacher.

    E non fare la baldanzosa col ragazzetto. Se ne apprezzi la luce negli occhi, se ne accorge ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, my dear... :)
      Io sono una donna fatta, cara la mia musicista!!! ;)

      Elimina
  2. Posti così son meglio di Disneyland :0)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Garantito!!!
      Potrei proporre delle escursioni... :)

      Elimina
  3. La curiosità di cui é ricolmo Andrea è il sale della vita.
    E tu che sei una brava e bella maestra di campagna sai bene che riuscire ad "incuriosire" i giovani è come accendere la miccia al sacro fuoco del sapere.
    Purtroppo, di questo passo, con tutte le fabbriche che chiudono e che vengono abbandonate ci sarà presto un bel po' di ruderi da fotografare. Speriamo che facciano qualcosa prima che qualcuno li vada a catturare e ne getti le pasciute e grasse carcasse in qualche capannone abbandonato. Troppi politici ladroni, troppi ladroni che fanno i politici.
    ... meno male che Silvio c'è!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza di lui, cos'avremmo mai fatto????

      Elimina
  4. che favola ... una perfetta complice :) ecco che sei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già... :)
      E tu? Dopo le notti brave? :D

      Elimina
    2. notti bave .. ma ero in compagnia delle forze dell'ordine .. giurin giuretto :P

      Elimina
    3. Ah bè, allora sei in una botte di ferro!
      PS. Anvedi...il fascino della divisa!!! ;)

      Elimina
  5. Mi devo informare su questo luogo, il tuo racconto mi ha messo grande curiosità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il termine è abusato...ma garantisco che è "magico"...

      Elimina