sabato 19 ottobre 2013

Balance


I ricordi hanno tutti un peso diverso.
Non è che i più belli o dolorosi pesano di più. No.
Forse dipende da come le cose -e i luoghi e le persone- ci penetrano. Attraverso il naso, la bocca, gli occhi, le mani, le orecchie. Più si allargano e si insinuano, passando dalle mucose, dalla pelle, dalle nostre pieghe nascoste e segrete, più restano, intatte.
Allora basta un niente. Il tintinnare di un campanello, l'odore bagnato di un venticinque aprile, l'asprezza di juta, sotto le dita.
Il ricordo si arrampica agile, senza permesso, chiede solo di prenderci. E allunga una mano, e strappa.
Non è esigente, domanda poco. Il tempo di due respiri larghi, quando è dolce. Di un'apnea cava, se incide e intaglia.
Poi salta giù, e non sai com'è venuto. Può lasciarti trafitto, amaro di nostalgia, sazio di parole mute e saliva in bocca. Oppure pago, come di carezze.
Resta quel vago smarrirsi nei gesti, vuoti, che poi passa.
Prima o dopo, dipende dal peso.

8 commenti:

  1. Eh si, descrizione molto calzante e delicata di una sensazione comune e frequente per tutti :) diciamo che bisogna essere abili equilibristi, in generale e anche in questo specifico ambito, non facendoci mai sbilanciare anche quando affiora un ricordo all'improvviso :)

    Ciao ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ricordo molto...e molto intensamente. Difficilmente dimentico.
      E questo mi piace molto, ma, come dire, impegna :)

      Elimina
  2. Oggi con il mio proiettore incorporato, ho rivisto molti momenti della mia vita... un meraviglioso film... e mi sono detta... wow, mi porto dentro tutto ciò!!

    RispondiElimina
  3. Continuiamo a vivere nel ricordo di chi ci ama. [...] ricordami, Daniel, anche se in segreto, in un angolo del tuo cuore. Non permettere che me ne vada per sempre. (Nuria Monfort)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zafon. Che bel personaggio Nuria Monfort...

      Elimina
  4. Vivo da sempre più rivolta indietro che con lo sguardo al futuro, ma in questo periodo della mia vita vorrei un'amnesia mi salvasse dalle mie "apnee cave" . Te l'ho già scritto, ma lo ripeto: scrivi divinamente bene!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amnesia. Sì...
      Se trovi la pastiglia giusta, sappimi dire...

      Elimina