giovedì 17 ottobre 2013

Covare


Sabato prossimo sarò in tournée con la scuolina.
Non è la prima volta, abbiamo già esportato il modello.
Associazioni e gruppi di famiglie ci chiedono di raccontar loro com'è stato possibile far nascere tutto dal niente. Niente contributi, niente struttura, niente aiuti.
Ad un certo punto è spuntata questa casina rossa in mezzo ai campi, e noi ci siamo entrati, discreti. Dieci bimbi e due maestre su qualche tavolo di fortuna. Cinque anni dopo, i bimbi sono trentacinque, le maestre quattro e c'è ogni cosa. Il bollitore per il tè, i computer, appendini colorati, lavagne, seggiole grandi e piccole.
E così dovrò parlare in pubblico. Presente pure l'assessore locale all'istruzione.
L'ho fatto in altre occasioni, anche in sale grandi, anche di fronte a molta gente. Ma tutto è cambiato così tanto, e io non so davvero se riuscirò, questa volta. Ho un gran bisogno di tenere, di non disperdere, di covare al caldo le cose, raccolta. E' una fase di dolce latenza, e silenzio.
Però lo devo a Marco, papà meteorologo e presidente della scuolina, che me l'ha chiesto.
Chissà se una volta seduta, rigorosamente senza microfono, rispolvererò le parole sepolte.

12 commenti:

  1. Non ho dubbi
    e difatti son qui a tifare
    aspetto che tu scriva l'esito
    per sapere degli applausi
    Buonanotte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti tocca aspettare otto giorni. Ma poi io, puntuale, relazionerò!
      Ciao P. Grazie e bacio :)

      Elimina
  2. Credo sia anche giusto, e bello, poter raccontare questa storia, questa piccola impresa che siete riusciti a metter su dal nulla... vedila così :) Riuscirai senz'altro, e poi ci saranno tanti applausi e sorrisi :)

    Ciao! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito andava così...perchè io ero proiettata verso l'esterno... :))

      Elimina
  3. Un piccolo progetto che sembra un racconto di Natale :0)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, un po' di polvere magica qualcuno deve averla spruzzata... ;)

      Elimina
  4. basta che non inizi con una barzelletta :)
    per il resto a me sta faccenda che le persone si stupiscano se qualcosa funziona senza contributi pubblici ma solo per la capacità dei responsabili inizia un pò a scocciarmi ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato la stessa cosa quando, qualche settimana fa, un'associazione con vari agganci (Comunità Europea, Regione, ecc...) ci ha chiesto di collaborare per uno stesso progetto. Gratuitamente. Poi, ma solo poi e forse, se qualcuno avesse finanziato e/o sostenuto l'iniziativa, avremmo visto un piccolo contributo. Per me, abituata a raccogliere solo dove ho ben seminato con le mie forze, è stata benzina sul fuoco...

      Elimina
  5. Sarà senz'altro qualcosa di stimolante, soddisfacente, tanti in bocca al lupo anche se non c'è bisogno, andrà tutto alla grande.

    tanti abbracci forzuti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ragazza!!! Mi faccio strizzare :)

      Elimina
  6. Sarà bello far conoscere agli altri la vostra esperienza, magari ascoltandoti qualcuno capirà che la passione e la determinazione spesso sono più importanti dei contributi statali e non. In bocca al lupo e...cavagli tutti i denti!

    RispondiElimina
  7. Sono incantata e sempre più interessata a saperne di più. Mi consola sempre sapere che in qualche posto almeno la scuola può dirsi fuori dagli affanni. Un luogo ben organizzato, dove lavorare serenamente e far crescere bambini felici.

    RispondiElimina