venerdì 4 ottobre 2013

Compere


La donna cammina morbido, come affondasse le piante dei piedi nella sabbia fine.
Oscilla gialla la coda di cavallo.
Entra nella bottega, odore di crauti e baccalà. Si spostano lenti gli occhi asciutti di un commesso vecchio come il tino scuro, colmo di fagioli secchi.
La guarda vago, e prova fastidio. E' sfacciata la giovinezza. Ingiusta.
"Pioverà", le dice, come a ferirla.
"No, il cielo si sta aprendo". E schiude la bocca rossa e mostra denti da torrone alle nocciole.
"Prego", replica lui vinto, piegando appena le ginocchia logore.
"Mezzo chilo di ardore e due etti di imprudenza, grazie".
Dal vetro sporco avanza sulle cose un sole acceso.

11 commenti:

  1. Sai, maestra, che scrivi davvero bene ? :)

    RispondiElimina
  2. fai le prove ... oscilla gialla la coda di cavallo, su un tatuaggio

    ma quanta teacher c'è nelle storie che scrivi? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poca poca.
      Poi dipende dalle volte.
      Qui c'è, ma solo nel senso delle cose.
      Catastrofi annunaciate, il sole che scalda e porta via ogni spettro.

      Elimina
  3. Piccole gocce di poesia in questa giornata grigia. Grazie :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui grigio piombo...ma sorrido :)

      Elimina
  4. Molto intenso... si viene proprio trascinati lì accanto ai protagonisti...

    RispondiElimina
  5. Un "affresco" dipinto molto molto bene... potresti fare la pittrice con altrettanto successo di quanto già tu non ne abbia nella scrittura, secondo me :)

    Buona domenica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse un fumetto. Quello magari mi riesce... :)

      Elimina
  6. La giovinezza è sempre sfacciatamente inconsapevole.

    RispondiElimina