giovedì 31 gennaio 2013

Narcisi e nasturzi


Ma il blogger, è un po' Narciso?
Ecco, mi viene da pensare.
Sistemi in vetrina le cose, le chiami condivisione, dichiari di volerti contaminare, ma la cruda verità è che metti in piazza i fatti tuoi, le foto tue, le letture tue, le musiche tue.
E poi, ti dicono "bravo", e tu sei contento.
E poi ti dicono "mi hai fatto sorridere, commuovere", e tu sei contento.
Orbene.
Oggi ho ricevuto una mail bellissima, da una donna e scrittrice bellissima. E dice questo.
Io scrivo semplicemente per riordinare i miei pensieri, per curarmi, perché con i libri e l'amore coltivo la stupida illusione di sconfiggere la morte.
Ecco, la faccio mia.
Ma è anche vero che noi ci definiamo attraverso la comunicazione, la relazione. Solo così possiamo trasformare e trasformarci. Pensiamo ad un bimbo, a quando sorride per la prima volta. Cosa accade attorno a lui? Cosa accade nei volti di chi è vicino? Trasformazioni, rimandi, altre trasformazioni.
Ma. La comunicazione, è il preludio della decentrazione. Dell'autonomia di azione e pensiero. Non uno specchio. Quindi, maestra-blogger, attenta a te.

21 commenti:

  1. Son tanti i motivi per avere un blog, il mio era nato per amore, poi attraverso di lui ho pure quasi trovato un amore e cos'altro dire... tante cose belle arrivano dal confronto con gli altri, dagli scambi ecc. perché principalmente il blog siamo noi, narcisi o meno... daffodils o meno dovrei dire ahahah ... tanti noi sul web che come nella vita cercano di entrare in contatto con altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo...un modo di stare al mondo.
      Ma senza dipendenze, questo è fondamentale...

      Elimina
  2. Riflessione interessante che spesso ritorna anche nei miei pensieri da quando, cinque anni fa, sono entrato in questa specie di dimensione parallela che a un certo punto ha rischiato di succhiare troppe energie. Condivido l'esortazione all'attenzione e direi che la frase tratta dalla mail riesce a sintetizzare in maniera abbastanza convincente anche per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto! :)
      Energie. Sì, ecco, le energie.
      Il giusto senso alle cose.

      Elimina
  3. Si un bloger è narcisista, ma se sa dissolvere la sua immagine riflessa nello specchio, compone scritti che regalano sensazioni, emozioni forti e ritrova così la sua immagine ricomposta nelle anime dei suoi lettori come in un puzzle. Solve et coagula diciamo noi fratelli di Ermete e ogni volta che questa trasformazione accade, vi è un percorso di forte crescita sia per lo scrittore che per il lettore.
    L'alchimista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh...tu leggi nelle pieghe, negli angoli.
      Tu sai cose di me.
      E allora, quello che dici, è ancora più sensato...

      Elimina
  4. oh si, si ... un pizzico di narcisismo, uno di egocentrismo, un pò di tristezza, e poi e poi ... (click) si fa così :)

    RispondiElimina
  5. no, il blogger non è sempre narciso. Spesso non ha nessuno cui raccontare i propri tormenti interiori ed allora li affida al web.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero anche questo.
      Tante orecchie...ma forse nessuna...

      Elimina
  6. Un blogger è tante cose, non sempre le stesse per tutto il tempo in cui sta sul web. Un blog comunque è sempre costruito da chi scrive i post e chi li commenta, questa seconda parte viene spesso misconosciuta ma invece è l'essenza profonda del mezzo che stiamo usando. Ed è anche un po' narcisistica.
    Sei immersa nel verde...è rilassante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Grazie per essere transitato.
      Sì, è l'essenza. Condivido. Ma è sano?
      Io scrivo comunque...anche se è insano... :)

      Elimina
    2. Scrivo comunque anch'io, la salubrità dipende dalla misura e quella si perde facilmente.

      Elimina
  7. ...se ascolto dimentico, se parlo ricordo, se scrivo capisco, e faccio...
    L'anonimo eteronimo

    RispondiElimina
  8. Non sempre c'è autobiografismo mascherato, in un blog come in un racconto: di sicuro c'è il desiderio di raccontare qualcosa sperando in qualcuno in ascolto. In fondo un blog è meno Narciso di tante altre forme: Nastursio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo. E' importante raccontarsi e dire, ma non cercare specchi e conferme. Tu, non lo fai, per esempio :)

      Elimina
  9. Più che a un narciso mi piace pensare a una rosa, a un fiore che nasconde un cuore; un cuore che vuole essere trovato, un fiore che vuole essere ammirato, ma che punge chi non è capace di capirlo e amarlo per quello che è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Pitta e la Gioia...due rose gialle :)

      Elimina