venerdì 18 gennaio 2013

Presentazioni


Filippo, otto anni, scrive.
Il mio nome non mi piace, perchè mi lascia imbarazzato.
Sorrido.
Anche il mio, di nome, mi lasciava terribilmente imbarazzata alla sua età.
"Come ti chiami, bella bambina?"
"Ehmmm...Gioia"
"Che nome particolare!"
Ma io non volevo essere particolare, volevo essere normale.
E poi, da ragazzina. Uno spreco di commenti.
Così decisi di presentarmi come una qualsiasi Deborah. Con la acca.
"Piacere, sono Deborah", tutta fiera.
E nessuno, davvero nessuno, ci trovava nulla di particolare.

13 commenti:

  1. ..e invece è il nome più bello che ci sia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo adesso so volergli bene... :)

      Elimina
  2. Giacinto Pannella detto Marco, Benedetto Craxi detto Bettino... anche Napoleone fu deriso dai suoi primi compagni d'arme... capirà presto che è la persona a fare in nome e non il contrario.
    Certo se i tuoi genitori ti hanno chiamato Sandokan sarà più complicato ma non impssibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fosse il nome a fare me, sarei spacciata... ;)

      Elimina
  3. Il tuo nome significa:"oggetto prezioso" ed anche "che reca gioia"...c'è qualcosa di più bello?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei recarla però. E' un impegno...

      Elimina
  4. Il tuo nome va bene così.Se sei triste, la dicotomia è suggestiva; se sei felice, si sfiora la perfezione.:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene, mi hai convinto. Appendo al chiodo Deborah, allora...

      Elimina
  5. Appendila, appendila...

    RispondiElimina
  6. e si Deborah con l'acca non s'affronta.

    very very nice to meet you ... ma non detto così per dire, come lo direbbe Deborah, ma detto alla Gavin

    RispondiElimina
  7. Gioia è un nome bellissimo, ma ti capisco, perché è un nome che ti obbliga, come Serena. Ma è anche una spinta, una sfida quotidiana, e tu devi vincerla, davvero.

    RispondiElimina