domenica 20 gennaio 2013

Solo


Avrei bisogno di gesti. Eppure ogni gesto mi costa, se è leggero, se riesce a lasciar spazio al pensiero.
Farmi la coda con l'elastico, salire in auto, lavarmi i denti.
Sì, dovrebbero essere gesti ampi, totali, muscoli e tendini a sfinirmi. Zappare, per esempio, o dare la cera.
Pensa ad altro, distraiti un po'. Ad altro cosa?
In realtà io non penso a niente, c'è solo del misto grigio e nero, che scava sempre più a fondo. Era lì, in un angolo del cervelletto, e adesso si è permesso di allargarsi, scendere alla gola, alla bocca dello stomaco.
Si annida dove passa, bastardo e subdolo. Soffoca ogni tentativo di ribellione.
Ieri per esempio. Mangiare il pesce crudo, un ristorante carino, il Prosecco che gratta ma ammorbidisce. Invece non sentire nulla. Sapore, profumo, desiderio.
Solo voglia spasmodica di vita, che sbatte e sbatte, senza trovare una finestra aperta.

20 commenti:

  1. Passerà..passerà..tutto passa!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. http://www.youtube.com/watch?v=JLIh6LD3KBA

    RispondiElimina
  3. ...tanta pazienza, poi tutto passa. un forte abbraccio.

    RispondiElimina
  4. @ Cuore di sedano e @Daffo
    Sì, io ci conto...

    RispondiElimina
  5. Concentrati sul prosecco: credo ne vengano fuori incredibili soddisfazioni. :) Ovviamente,scherzo. Tieni duro, non può piovere per sempre.

    RispondiElimina
  6. alla fine tutto andrà bene,
    e se non va bene?
    non è la fine.
    (cit.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tratto dal romanzo di Deobra Moggach "These Foolish Things". Da cui hanno ricavato un film piacevole-Marigold Hotel.

      Elimina
  7. Farcela o perire nel tentativo.
    La prima opzione richiede più tempo ed impegno.
    Noi non abbiamo fretta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel "noi" mi fa sentire meno sola...

      Elimina
  8. mi fa pensare l’immagine della gabbietta e dell’uccellino che sta lì vicino ad essa anche quando la porta è aperta…. che si tratti di questo? del fatto che non riusciamo a lasciare la nostra “gabbia mentale” anche quando si è aperto un varco?
    Tua amica che ti vuole un gran bene
    L'ortolana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, amica. Quanto mi accarezzano le tue parole...sempre. :)

      Elimina
  9. Conosco bene le gabbie. Ma non il modo di uscirne. Però se ne esce.
    Un abbraccio, Gioia.
    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accolgo volentieri questo abbraccio... :)

      Elimina
  10. vogli spasmodica di vita.. e non è poco..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è poco. Partirei da lì.

      Elimina
  11. accideni la tua riflessione è blla.. riuscissi io a "mettermi a nudo".. sono una tipa un po' difficile. Grazie, grazie davvero

    RispondiElimina