martedì 29 gennaio 2013

Vuoti e pieni


Domenica ho fatto questi panzerotti.
Ehi, Cuoredisedano, ho fatto i panzerotti!!!!
Ma non erano buonissimi. Perchè ci ho messo poco amore.
Ed è risaputo che se il cibo lo manipoli così, senza sentimento, poi quello non ti dice nulla di sè.
Oggi a pranzo ne ho infilato uno in forno, per dargli un po' di ossigeno, visto che non si butta nulla. E' sceso nello stomaco sciapo e triste, e lì è rimasto quasi intero, fino a quando ho bevuto il caffè con la Jessica.
La Jessica aveva un bel sorriso oggi. E mi ha detto di lei, delle sue economie sagge, del suo amministrare con cura, ma godendo di ogni cosa.
Ebbene, il panzerotto si è tolto di mezzo, e l'abbraccio che ci siamo scambiate ha dissipato (per un po') il vuoto. Però basta, panzerotti.

13 commenti:

  1. l'Amore è l'ingrediente principale in ogni cosa... anche nei panzerotti, ma questo non lo indicano mai sulle ricette.

    RispondiElimina
  2. i panzerotti...ma non è che ne preparesti qualcuno con amore per noi?
    Cara Gioia, le piccole economie fatte così, per provare, per vedere se sono capace di risparmiare "risorse" in tutti i sensi (risorse naturali, risorse fisiche, risorse mentali) ma non per tenerle per me, ma per indirizzarle meglio, per renderle disponibili per tutti, per evitare i fronzoli, il superfluo, per dedicarmi solo a ciò che conta veramente per me senza danneggiare gli altri... ci provo e ti terrò aggiornata dei miei progressi o dei miei fallimenti! in tal caso rivediamo insieme e ci riproviamo!
    Un grande abbraccio forte forte
    Jessica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è il segreto...lo so. Condividere. :)

      Elimina
  3. Maestra dice a me???
    Presente!!!..quasi mi sento arrossire :)
    Molto invitanti! ..che mi passeresti la ricetta?
    E se ti dicessi che le tue storie riempiono tanto e sicuramente in tanti si nutrirebbero solo delle tue parole? Sei così grandiosa nella scrittura che tutto il resto passa in secondo piano.
    Gioiuccia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In gran segreto ti passerò la ricetta. Ma tu, impastali ascoltando dell'opera, dell'operetta, l'Inno d'Italia. Ispirati.
      Un bacio :)

      Elimina
  4. come l'acqua per il cioccolato?
    :)

    RispondiElimina
  5. Ecco vedi parti da una cosa semplice
    per arrivare a un gesto gentile
    che diventa lo straordinario quotidiano.
    Ogni giorno compiamo delle azioni
    magari ripetitive come il saluto a una persona;
    il modo di raccontarlo fa trasparire l'affetto
    e fa quasi indovinare di cosa vi site parlate
    e lo fa diventare straordinario.
    Essere capaci di ciò è la rara qualità che hai te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo...io ti assumo come motivatore...

      Elimina
  6. Mah, una nostra cara amica sosteneva l'influsso della luna (o più specificamente quel lato femminile che ha ritmi simili) sulla preparazione dei prodotti lievitati.
    Ora io non ritengo opportuno entrare così pesantemente nel tuo personale ma la mia Wiz sosteneva che se non era scientificamente provato era quantomeno verosimile.
    In qualche occasione fece preparare l'impasto per la pizza a me.
    Non voglio neanche fare un salto indietro di millenni quando si considerava "impura" una donna per quella settimana.
    Però sia la luna che le donne ti riservano mille sorprese...
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche gli uomini non scherzano però... :)

      Elimina