sabato 26 gennaio 2013

Vorrei


Sto leggendo "La cura Schopenauer", un quasi regalo.
Oggi, sulla strada di casa (mille chilometri in ventinove ore sono per me -pigra e poco incline allo spostamento- un record storico), guardavo la luna bianca e rosa farsi avanti, enorme, e pensavo a Julius, lo psicanalista, che domanda a Philip, sessuomane e misogino, cosa immagina scriveranno nel suo epitaffio.
Allora, guardando un cielo che si trasformava e si trasformava, in quell'ora rossa e melanconica che pesca i pensieri dal fondo, me lo sono chiesta.
Vorrei si dicesse solo che ho tenuto gli occhi aperti. Bene aperti. E che ho molto sorriso.

11 commenti:

  1. Essere ricordati per il sorriso è bellissimo :0)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Obiettivo troppo alto, dici? :)

      Elimina
    2. No al contrario, credo che sia più che fattibile.

      Elimina
  2. Non è male come epitaffio, cara Gioia.
    E sono sicura che sei così.
    Io devo ancora pensarci, ma forse credo che mi piacerebbe l'anonimato.
    Yalom Irvin mi piace, ma questo libro ancora non l'ho letto.
    Buona domenica Gioia e un abbraccio.
    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Lara, non sono così.
      Forse lo ero. Adesso va costruita la nuova Gioia, ma come in ogni kit che si rispetti, manca sempre qualche pezzo. chiederò alla casa madre. Nell'attesa, provo a tenere gli occhi aperti...

      Elimina
  3. uh ma Schopenauer è un'inguaribile pessimista...persino nel suo:consigli sulla felicità non è convincente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo libro di Yalom si racconta a tratti anche della sua vita...e credimi, non meraviglia affatto che sia così disincantato e crudo.

      Elimina
  4. ...epitaffi, uuuhhhmmm, faccenda impegnativa, allora, proviamo:) A quello del poeta, "qui giace colui il cui nome fu scritto sull'acqua", fu risposto: "se il tuo prezioso nome è scritto sull'acqua, ogni sua goccia viene dal volto di chi ti piange". Ma cosa diciamo per chi "ha tenuto gli occhi bene aperti e ha molto sorriso"? Forse: "occhi che formichine pazienti hanno cucito con pezzi di cielo azzurro e di arcobaleno, e sorriso che api industriose hanno rubato alla luna quando bianca risplende"???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo lontano? Sei quello?
      Accidenti. E' l'epitaffio di una dama...

      Elimina
  5. Mille chilometri, Gioia?
    E da qualche parte ho letto che non sei mai stata a Roma???
    Ti aspetto, per scambiare qualche sorriso dal vivo :-)

    RispondiElimina