mercoledì 20 marzo 2013

Speranza e regali

La maggior parte delle persone, se alla fine guarderanno indietro, troveranno di aver vissuto tutta la vita ad interim, e si meraviglieranno di vedere che proprio ciò che hanno lasciato passare senza considerarlo e senza goderlo è stata la loro vita. E così l’uomo preso in giro dalla speranza, finisce a passo di danza fra le braccia della morte.
(La cura Schopenhauer, I.D. Yalom)

Ora, lo so che questa citazione non ha proprio il profumo dell'ottimismo.
Però ieri sera, a tarda ora, mentre il silenzio pulsava pesante dentro e fuori, mi sono detta che devo.
Devo.
Lo so, è ambiguo il verbo. Implica un'ingiunzione, un dettame.
Eppure, capita di doversi afferrare il mento, con forza, con rabbia. E dirsi urlando: "guarda, alza gli occhi, non fare resistenza. Lo vedi il bello? Li vedi i doni?"
Anche in mezzo alla spazzatura, puoi vedere. Che hai mani. E gambe. Viscere per amare, gioire, accogliere, respingere, e salutare il sole, quando lieve si inchina a te.

14 commenti:

  1. Sarà che l'immagine la sento in modo profondo, sarà che ho perso tempo prezioso, sarà che vorrei che le persone non buttassero via occasioni, sarà che persone come te con il bagaglio di emozioni che porti sono poche e rara. Prenditinquello quello che vuoi adesso e subito. Lo puoi fare. Accogli.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raffaella.
      Accogliamo, allora.

      Elimina
  2. Se non c'è di default, bisogna allenare quotidianamente la capacità di notare il bello che abbiamo dentro e che ci circonda. Ne guadagna la nostra qualità di vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di default.
      No, credo non sia fra i miei optional. :)
      Ma mi alleno...

      Elimina
  3. Certo sarebbe una bella fregatura!
    La vita è un dono, l'importante è non perdersi in banalità o incartarsi in complicazioni, bisogna assaporare la semplicità di tutto ciò che ci circonda e cogliere l'attimo.
    Su questo argomento si potrebbe parlare all'infinito...:)
    Il libro comunque era molto bello, anche Le lacrime di Nietzsche è interessante.

    RispondiElimina
  4. Hei givanotta,
    vedi che sia quello giusto stavolta
    che mica va bene che per la felicità di una settimana
    si pianga per un anno!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La felicità di una settimana...
      Ne fossi capace.

      Elimina
  5. Alle volte sono proprio i diktat a salvarci.

    Ti bacio

    RispondiElimina
  6. bhe Schopenhauer non è mai il massimo dell'ottimismo.
    Pare sia l'ora di darsi una scrollata? sarà anche merito dell'ecopelle va a sapere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente gioca un suo ruolo :)

      Elimina