giovedì 20 settembre 2012

Feel


Come capita, si scoprono cose.
E qual'è il senso di un blog, o della presenza attiva all'interno di un social, se non quello di imparare e stupirsi?
Qualcuno potrebbe dire che i sostenitori dei social, spesso, perseguono fini nebulosi o poco nobili. Sì, accade.
Ma, come dire, dipende dall'uso.
Anobii rimane un luogo privilegiato. Ovvio, anche in quelle lande si possono fare incontri sbagliati. Essere intercettati da  personaggi senza faccia e senza storia, bravissimi a costruirsi identità fittizie, avvoltoi in attesa della preda giusta.
Più spesso, non è così. 
Ed ecco che se sei accorto e spalanchi gli occhi, ti si aprono mondi.
Di graphic novel, io non ne sapevo nulla. Fumetti sì, ne avevo letti. Ma il romanzo grafico è altro.
Mi è bastato vedere le tavole. Colori, luce.
E li ho ordinati. Devo toccarli.

15 commenti:

  1. Brava Gioia, io sono una malata di graphic novel :D

    Una delle ultime lette che mi ha preso il cuore è stata Habibi. A te piacerebbe, ne sono sicura!!

    Guarda che po po' di tavole meravigliose.

    http://www.ilpost.it/2011/10/28/le-tavole-di-habibi/0040-primocapitolo16/

    L'unica cosa è che costicchia. Non credo sia ancora uscita l'edizione economica, ma non è detto. Io l'ho preso l'anno scorso, al modico prezzo di 35 euro. o_O Però dio santo, che goduria!! *_*

    RispondiElimina
  2. Post Scriptum velenosetto: un tempo anobii ERA un posto privilegiato, Ora mica tanto. La gente lo usa come un social network , passa a salutarti nella bacheca solo per costringerti a ricambiare la cortesia. Ti votano il commento e te lo fanno presente nei messaggi, per sottolineare il velato debito che hai nei loro confronti.Gli interessati ai libri, quelli che leggono le recensioni fino in fondo, quelli che commentano solo quando pensano di avere qualcosa da dire, quelli che stanno spesso in silenzio ma se ne sente la presenza, sono rimasti in pochi. Ovvio che si creino "amicizie", e si cazzeggi con spiritosaggini e battute reciproche, ma il 90% degli utenti ormai, ha una visione di anobii un po' troppo salottiera. Ecco perché adesso GoodReads invece, sta funzionando alla grande. È riuscito a mantenere l'aspetto essenziale e non si è ancora snaturato. Ad anobii sono affezionatissima, ma all'inizio era veramente un'altra cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che questa cosa ha un po' sconvolto anche me? Il do ut des del voto, del commento. No, è triste.
      Riguardo al "salottiero"...forse pure io sono molto da futile chiacchiera. :)
      In ogni caso io ho pochi termini di paragone, sono in GoodReads ma non ho mai caricato una lettura...

      Elimina
    2. Ma anch'io sono una super ciarlona eh! Però io alludo a quelli che dei passaggi insulsi nelle bacheche altrui ne fanno una moda. Tipo passeggiatina da vetrina. Esempio: un tempo, alla fine di ogni commento, ci mettevo una chiosa che si intitolava "Intanto nella vita reale" Solitamente erano pensierini del giorno, assolutamente scollegati dalla lettura e a volte abbastanza insipidi. L'ho tolta quando mi sono accorta, che la gente ormai non leggeva più manco una parola del commento al libro, ma andava direttamente alla chiosa e commentava solo quella. Paradossalmente grazie a quella rubrichetta scema, un sacco di contatti mi avevano aggiunto e ricevevo tantissime visite. Ma insomma, se anobii è un posto dove si parla di libri, e se la gente mi commenta solo la battutina stupida della giornata, allora non sono più contenta manco io, anzi se ci ho messo cuore nel mio commento al libro, lo trovo quasi "offensivo" che mi si commenti solo la frase in cui dico "oggi è stata una giornata di cacca". Così l'ho levata senza rimpianti. I commenti della gente si sono dimezzati, ma a me va bene così :)

      Elimina
    3. Però, ammetti che era geniale...

      Elimina
  3. Gasp, che belli!
    Ci sono anch'io su aNobii, ci troviamo? :-)

    RispondiElimina
  4. Volentieri!!!! :)
    Più facile se mi trovi tu Adriana :))
    Vai dritta dal link del blog...

    RispondiElimina
  5. Come ti trovi con Bookville, Noce? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Mario: Bookville come idea non era male ma è ancora strutturata in modo troppo approssimativo. Nel tempo ho visto che comunque si stava allargando. Mi fa piacere per gli amministratori che mi sembravano volenterosi, ma personalmente non ci carico più letture da un bel po'. :)

      In generale la mia alternativa ad anobii è GoodReads, ci sto da un anno e mezzo e mi ci trovo benissimo. :)

      Elimina
    2. Ehi, voi due, la finite di farvi due chiacchiere nel mio salotto?? :))))))
      Che bello invece, mi piace assai. ;)

      Elimina
    3. Bla bla bla bla bla bla bla :D

      (intanto ci faresti un caffè please?)

      :D :D

      Elimina
  6. Dovrei controllare Zazie, come funge... ma sono pigro!:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso non vorrei fare la guastafeste, ma sto anche lì, e insomma.. non è sto granché. :\

      Elimina