giovedì 27 settembre 2012

Lasciale parlare



 

Ricevo il link di un artista toscano (Paolo Ventura), che mi viene presentato così:
Nelle sue foto l'abbandono è fissato in microscopici set, dove il vero/falso non esiste più.
Posso resistere a tale richiamo?
E' vero, sono emozionabile. Magari pure labile.
Ma, in una giornata come questa, in cui i palpiti sembrano chiedere più spazio, più tempo, cosa spalanca la cassa toracica?
Le immagini. Che ti impongono un silenzio assorto. Una distanza dal tangibile.
Le ho guardate senza sentir nulla.
E pian piano, sono state loro a sussurrare. Di nebbia, di luce, di scuro.
Che roba.

4 commenti:

  1. Risposte
    1. Decisamente...ma arrivano in profondità.

      Elimina
  2. Accidenti!! Quale onore...
    http://presanellarete.blogspot.it/2012/09/premio-cutie-pie.html
    Mi lustro le unghie Adriana :)))

    RispondiElimina