lunedì 17 dicembre 2012

Amarsi


Quando mi amai davvero, compresi che in qualsiasi circostanza ero nel posto giusto e al momento giusto. Fu a quel punto che riuscii a rilassarmi. 

Quando mi amai davvero, riuscii a percepire che la mia angoscia e la mia sofferenza emotiva, non sono che segnali che indicano che sto andando contro alle mie proprie verità. 

Quando mi amai per davvero, smisi di desiderare che la mia vita fosse differente, e cominciai a vedere che tutto quello che succede contribuisce alla mia crescita. 

Quando mi amai per davvero, cominciai a comprendere perché è offensivo cercare di forzare una situazione o una persona, solo per raggiungere quello che desidero, pur sapendo che non è il momento o che la persona (alle volte io stesso) non è preparata. 

Quando mi amai per davvero, cominciai a liberarmi di tutto quello che non fosse salutare: persone e situazioni, tutto e qualsiasi cosa che mi spingesse verso il basso.

Quando mi amai per davvero, smisi di preoccuparmi per non avere tempo libero e desistetti dal fare grandi piani, abbandonai i mega-progetti del futuro. 
Oggi faccio quello che trovo corretto, quello che mi piace, quando voglio e al mio ritmo.

Quando mi amai per davvero, smisi di voler avere sempre ragione e, in questo modo, sbagliai molte meno volte. 

Quando mi amai davvero, smisi di restare a rivivere il passato e di preoccuparmi per il futuro. Ora, mi mantengo nel presente, che è dove la vita si manifesta. 
Oggi vivo un giorno alla volta. 

Quando mi amai davvero, compresi che la mia mente può tormentarmi e ingannarmi. Ma quando io la colloco al servizio del mio cuore, è una valida alleata. 

Non dobbiamo avere paura di metterci in discussione, persino i pianeti si scontrano e dal caos nascono le stelle.

Charles Chaplin

10 commenti:

  1. Molto bello questo brano, molto vero... descrive il cammino di una vita intera... spero ti appartenga... ma se lo hai riportato, sicuramente si!
    Ti abbraccio forte forte!
    L'ortolana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che vorrei mi appartenesse... :)

      Elimina
  2. ...persino i pianeti si scontrano e dal caos nascono le stelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il passaggio che ho assaportato di più.

      Elimina
  3. Splendido Chaplin e brava tu, cara Gioia, per avercelo ricordato.
    Grazie e a presto:)
    Lara

    RispondiElimina
  4. Lui saràstato anche un fenomeno,
    lo stimo tanto come regista ma come uomo era un bel egoista
    non si può prescindere dall'amare il prossimo
    anche se a volte lo si deve sopportare
    e non si puo non fare un progetto (anche grande) della prpria vita
    un giovane ha bisogno di grandi progetti.
    Mi pare che abbia scritto qualche verità
    e anche qualche stronzata.
    E' come il discorso del Presidente a fine anno
    ognuno prende quelche gli sembra migliore o gli fa comodo.

    Ciao Gioia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace il ruolo equilibrante di Massimo! :)
      Sì, è condivisibile quello che dici. In realtà le citazioni ce le cuciamo addosso, a seconda di quello che sentiamo o viviamo. Per me hanno un senso, per te un altro.
      Ieri sera alcuni passaggi di questo brano sono stati sale sulle mie ferite, hanno toccato corde profonde.
      Le stronzate sono scivolate via... :)

      Elimina