martedì 25 dicembre 2012

Spirito del Natale

Ecco, io volevo fare come Scrooge.
Ma senza patimenti, senza fantasmi incatenati o sospiri di vecchi Natali nella notte.
E ce l'ho fatta, ieri sera. A decidere che potevo non festeggiare. Che volevo curare le mie lesioni con cataplasmi e impiastri, solitaria, come una lupa dal pelo antracite.
Allora, mentre il mondo fuori consumava crostini e conversazioni (dalla finestra ho osservato le case dei vicini, le ombre dietro le tende, l'alternativo accendersi e spegnersi di luci in stanze a me sconosciute), ho allestito il mio rituale. Un bagno caldo, candele. Un accappatoio morbido, un panino al salame. Un film.

Oggi però, c'era la nonna che mi attendeva. E non so quanto tempo le sia ancora concesso, per raccontare le sue storie. Davvero non lo so. 
Così oggi raccontava e raccontava, e guai a distrarsi un momento.
"Zitta tu, non parlare per sotto", mi dice mentre chiedo a mia mamma se mi passa l'acqua. 
Abbozzo, mi scuso, le assicuro che stavo ascoltando con grande attenzione.
Essere redarguita dalla nonna, come fossi una bambina. Non ha prezzo. 
Vale più di cento Natali da Scrooge.

P.s. Avevo postato una foto di me, in veste Scrooge. Mi dicono che faceva pena (non sono bravissima a giocare con Paint). Allora posto il vero Scrooge. E' più bello :))

20 commenti:

  1. buon natale,ti incontro oggi per la prima volta e forse c'è un perchè

    RispondiElimina
  2. e si, è un pò tipo quella faccenda del fiore pistillo e stame ...

    RispondiElimina
  3. Ma Pier! Come fai a ricordarti?
    :))
    E' vero, ora che mi ci fai pensare... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh me l'ha detto Barbara :P

      cerco che sto Scrooge, prima sembava più simpatico

      Elimina
    2. Guarda...sto ridendo...
      Ma ridendo! :)))

      Elimina
  4. Ho fatto il Natale dai vecchietti come se ci fosse ancora. Lui è andato via il giorno di santa Lucia ma gli altri c'erano. Un grande Natale.
    Anche se non avevo ben formulato una domanda ho trovato una risposta.
    Ecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, Marco.
      Lui c'era, in qualche modo, secondo me.

      Elimina
  5. Buon Natale, Gioia. Il Natale è dentro di sé, portarlo fuori non sempre è possibile, e a volte va bene così. Un bacio a te e alla tua nonna.

    RispondiElimina
  6. Anche a te Pitta!!! Auguri e un grande abbraccio :)

    RispondiElimina
  7. Quest'anno avevo tentato di abbattere lo Scrooge che c'è in me, ma non ci sono riuscito. Ci riproverò a il prossimo anno.

    RispondiElimina
  8. Risposte
    1. Della tua partecipazione, ero certa... :)

      Elimina
  9. Io ho chiesto per anni a mio padre di scrivere i suoi racconti di una vita lunga e complessa tra la Sicilia e il resto d'Europa. Non mi ha mai ascoltato cosi' adesso devo far conto dei miei ricordi. Tu se puoi trascrivi invece le storie di nonna, magari di nascosto per non esser meno Sgroogie, auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri a te! :) Hai ragione, sono storie che non andrebbero perse...

      Elimina
  10. Io un Natale da Scrooge non me lo posso permettere, tuttavia da buoni milanesi abbiamo sbrigato la questione del pranzo in meno di un'ora.
    L'immagine che mi ha colpito però (i tuoi post generano immagini, sapevi?) è quella in cui osservi le altre finestre.
    Vivendo di notte, le poche luci accese attirano l'attenzione. Dal livello strada in cui mi trovo è difficile intuire cosa accade all'interno.
    (beh, una volta dopo il Mittelfest a Cividale... ma non divaghiamo)
    Scusa, sono uscito dal seminato però col tuo blog mi succede spesso.
    Ad ogni modo preferisco il Grinch.

    RispondiElimina
  11. Ma no Grinch...io volevo saperla la storia del Mittelfest.... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://latogrigio.blogspot.it/2011/01/mittelfest-afterhours-replay-o-promessa.html
      :o

      Elimina
    2. Ora ho capito..... :))))))))))))))))))))))

      Elimina