sabato 22 dicembre 2012

Contrasti


Oggi un passaggio dal robivecchi, per qualche foto.
Il titolare, sulla cinquantina, è un concentrato di vita. Ha scelto questo lavoro, lo fa con trasporto. Voce importante, presenza scenica, fine osservatore dell'umanità.
Capisce subito che traccia annuso e mi porta cose che ritiene interessanti. Un atlante del 1800. La foto inconiciata di una bambina triste. Un'antica bilancia delle Poste.
Un ragazzo entra, saluta, e spulcia. Dice che sta cercando un'ispirazione per i regali di Natale. Saggio, non ci avevo pensato. Ridare lustro ad uno di questi oggetti e farlo circolare ancora.

Siccome sono dimagrita, mi tocca cercare un paio di jeans che non cadano. 
Jeans. Quella roba di cotone blu, che il signor Strauss propose ai cercatori d'oro nel 1853. 
Uno scampolo di stoffa denim con cui coprire le gambe.
Entro in un negozio che propone diversi modelli dei suddetti.
Li individuo subito e li provo: carini, semplici, dal sapore vagamente country. Mi stanno bene. 
"Quanto vengono?", chiedo al commesso.
"180 euro".
Lo guardo incredula per un attimo, sorrido, glieli rendo.
"No, scusa, è una questione di principio. Non possono costare così tanto".
Fa spallucce, mi guarda come se davanti gli si fosse palesato l'Angelo Vendicatore. O la regina dei barboni, con tanto di manuale del perfetto consumatore.

6 commenti:

  1. Sono stato nella fabbrica di jeans che hai provato tu,
    è qui vicino nel comprensorio italiano del jeans
    la Meg li ha comprati a 22 euri.
    Originali eh, mica tarocchi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti. Quello è il loro valore!

      Elimina
  2. Secondo cammento

    Contrasto stridente esatto specchio della società in cui viviamo
    se il 10% degli italiani ha il 50% della ricchezza
    cosa vuoi pretendere!
    Ci vorrebbe una equa ridistribuzione del reddito
    oppure portare le ghigliottine in piazza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi illudevo che il calendario Maya avrebbe imbroccato almeno questo: l'ingresso in una nuova Era. Ma di consapevolezza, di ridistribuzione, di attenzione alle risorse...

      Elimina
  3. Terzo commento

    "Ridare lustro a uno di questi oggetti"
    Sono andato anche io dal robivecchi
    ho comprato un mangiadischi, mi piaceva
    e poi ho un sacco di dischi in vinile
    non roba importante ma, insomma son lì.
    A casa l'ho guardato meglio, sotto c'era il nome
    era di mia sorella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questa è una storia da scrivere nel tuo bellissimo blog pieno di nostalgie...! E' incredibile.

      Elimina