mercoledì 5 dicembre 2012

Departures


Departures è un film che porta pace. La morte e la dolcezza. La cura di corpi amati, come gesto che concilia e rende possibile l'elaborazione del lutto.
Daigo, il giovane protagonista, rinucia al suo violoncello e si ritrova a vestire e truccare cadaveri per un’agenzia di pompe funebri.
C'è poesia. 
Dice Daigo:
Nell'antichità, quando gli uomini non avevano la scrittura, per comunicare, cercavano un sasso la cui forma esprimesse i loro sentimenti e lo inviavano all'altra persona. Chi lo riceveva, dalla sensazione al tatto e dal peso capiva i sentimenti di chi l'aveva inviato. 
Ci sono momenti in cui le parole pesano. Consegnare l'emozione sul palmo della mano, lasciare che sia l'altro a leggerla. E avere la certezza, sollevando gli occhi, che le parole non farebbero di meglio.

12 commenti:

  1. Sono uscito, ho preso un sanpietrino e l'ho dato a mia moglie
    Porca vacca ha capito subito!
    tant'è vero che me l'ha tirato addosso.

    Bella sta faccenda del sasso, mi piace
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Certo che se consegnare un sasso era come consegnare un'emozione, mi domando quanto fossero incazzati a stonehenge....
    niente sassi e niente parole, solo lo sguardo conta.
    L'alchimista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sono così "leggibile", allora è meglio che chiuda gli occhi...

      Elimina
  3. No, la forza delle parole è insostituibile, anche se in alcuni momenti portano il peso di un macigno..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La forza e il potere delle parole...
      E che dire del peso della loro assenza?

      Elimina
  4. spesso porto un sasso, secondo la tradizione ashkenazita, quando vado a trovare qualcuno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una tradizione antica, che riporta alla terra...

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ciao. Ce ne fossero di film così lievi e profondi.

      Elimina
  6. Bello, dolce, poetico, pieno di vita.

    RispondiElimina
  7. La vita nella morte. Bello sì.

    RispondiElimina