mercoledì 26 dicembre 2012

Sogni che diventano realtà


Ho sognato che andavo su e giù per una città tutta salite e discese. Una città scarna e asciutta, senza luminarie, fronzoli, colori. Un po'sovietica, autarchica, grigia. Ero stanca, affannata.
Ad un tratto, lungo la strada su cui si affacciavano porte e vetrine tutte uguali (legno stinto e scrostato), ho sentito un profumo di lievito e zucchero. Da dare alla testa.
L'ho seguito, e mentre lo seguivo, il sangue mi affluiva al viso. Prendevo colore.
Da un negozietto, veniva una luce gialla, tremula. Sono entrata. Era la bottega di un panettiere, deserta, gli scaffali vuoti.
Ma dietro all'unico vetro, campeggiava un dolce ai semi di papavero, glassato e brunito. Lucente.
Mi sono svegliata.
Sono andata in cucina ad impastare. Zucchero, farina, burro, uova. E semi di papavero, alla fine.

14 commenti:

  1. anch'io a volte sogno una città così.. magari ci siamo incontrati..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non eri mica tu, quello che sfornava i dolcetti, vero? :)

      Elimina
  2. Si usa nell'Europa dell'est, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma almeno in Ungheria è propriamente una torta con i semi di papavero.

      Elimina
  3. Se andavo ad Erice, in giornate senza vento, magari per trovare refrigerio dallo scirocco implacabile nel trapanese, sentivo da lontano il profumo dei dolci.
    Non serviva l'indirizzo del forno: l'odore era mappa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erice...rimpiangerò per sempre di non aver avuto abbastanza tempo per salire, quel giorno di agosto...

      Elimina
  4. Non ricordi cosa avevi fumato ieri sera vero?

    RispondiElimina
  5. Per fortuna non li ricordo i sogni. Non con tutti quei particolari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente sì, pieni di colori, odori, sapori...

      Elimina
  6. Mi piacerebbe eccome fare questi sogni!!!
    Potrei persino divertirmi a fare le torte :)
    Ciao Gioia, sei impagabile!
    Lara

    RispondiElimina
  7. Grazie Lara. La prossima volta che faccio un sogno così, passo dal tuo blog e ti invito... :)

    RispondiElimina