giovedì 13 dicembre 2012

Adulti confusi


Ho in classe una bimba. Una bimba che pare far capolino da un libro, o semplicemente giungere per vie misteriose ai nostri quotidiani affanni. Proviene da altri luoghi, forse anche da un altro tempo.
L'aspetto campagnolo e verace, i capelli biondi e incolti, quell'aria di chi può permettersi i sogni. Ma che allo stesso tempo vive ben radicato e solido, i sensi allerta, il corpo in posta.
Lei sa dove sono le cose. Lei osserva i compagni, raccoglie in un retino umori e scontenti. Lei ascolta, soppesa, economizza gesti misurati, come una formichina farebbe con la sua ultima briciola.
M'incanto quando parla, e spiega. La piccola mano che porta una ciocca dietro l'orecchio, le espressioni acerbe che emulano. Occhi al cielo, alzata di spalle, il sorriso invita.
Ecco, adesso pare che il papà si sia stancato di fare tanta strada ogni giorno per la scuolina "speciale". Non vede i risultati, dalla sua bimba non abbiamo estratto il genio.
Ma come? Non la vede? Non riesce a vederla, quella donna in miniatura? Curiosa, viva, accesa, capace di spostare gli oggetti come mai, mai ad un bambino ho visto fare. Leggerezza e cura. Rispetto e misura.
"Il papà vuole farmi cambiare scuola", mi dice ieri, e mi interroga dal basso, attende. Si chiede se ho un qualche peso io, nel suo piccolo mondo di adulti confusi.
No, mi dispiace Eli. Valgo davvero troppo poco.

20 commenti:

  1. Va dura signora maestra
    ma forse una parolina si potrebbe provare.
    Auguri.

    RispondiElimina
  2. Oh sì, figurati, mi sono proposta subito. Ma pare che non ci sia margine per negoziare...

    RispondiElimina
  3. Quando capito in un blog nuovo, seguendo il fiuto di Massimo, non resto quasi mai delusa e trovo sempre un tesoro nascosto, anzi questa volta due:una maestra attenta e sensibile come poche che riesce a vedere con gli occhi del cuore in questa sua piccola allieva l'essenziale, invisibile agli occhi perfino del padre.Io proverei ad insistere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce la metto tutta...garantito.
      ciao Luigina! :)

      Elimina
    2. Luigina non t'ha detto che è maestra come te.

      Elimina
  4. una scopritrice di talenti ... che poi certi adulti sono impazienti, certo che se non ascoltano i figli c'è poco da fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impazienti, frettolosi, superficiali...avremmmo così tanto da imparare dai bambini...

      Elimina
  5. Povera bimba quante aspettative ha il padre su di lei! Ma Gioia: e la mamma? Subisce e fa subire le decisioni del padre? Forse è alla mamma che dovresti aprire gli occhi...

    Tua grande amica ortolana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mamma subisce. Così pare. Me l'ha riferito piangendo :(

      Elimina
  6. mi sembra di conoscerla quella bimba (o almeno la descrizione mi fa pensare ad un'anima conosciuta) difficile non volerle bene, augurarle il bene, difficile.

    RispondiElimina
  7. La bimba e la maestra, la mestra e la bimba chissà chi delle due è la maestra e chi la bambina....magari sono una stessa anima...
    l'alchimista

    RispondiElimina
  8. e aggiungo, non vali poco! Eri li' ad ascoltarla
    l'alchimista

    RispondiElimina
  9. @ Jo
    Sì, questo modello paterno mi scava nel profondo...

    RispondiElimina
  10. @ Alchimista
    Amico mio, grazie :)

    RispondiElimina
  11. tu fai quello che puoi... e secondo me lo fai bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la fiducia. Ha un che di incoraggiante... :)

      Elimina
  12. Spiacevole!
    Almeno cercare di fare il possibile!!!
    Un modo per mediare c'è sempre con l'atteggiamento giusto :)

    RispondiElimina