giovedì 28 febbraio 2013

Etciù!


Ma da quanto non me ne stavo a letto, con un'influenza?
Dalla notte dei tempi.
Stamattina non c'è stato verso, il corpo si è ribellato. Ero raffreddata, avevo le ossa rotte, le guance bollenti.
Ma mi sono vestita lo stesso, per andare a scuola.
E' stato lo specchio a inchiodarmi: occhi lucidi e cerchiati, linfonodi gonfi.
E il termometro si è imposto.
Intanto, tutti a dirmi che fuori stava esplodendo la Primavera.
Ma come, senza di me?
L'ho osservata dalla finestra, spostare qualche nuvola da est a ovest. Screziare di celeste e bianco i vetri della casa di fronte. Passare lieve una mano sui boccioli del rosaio giallo, che pare ancora dormire.
Sì, l'ho vista. Sta preparando ogni cosa.
Serve solo un po' di pazienza.

18 commenti:

  1. Ti sei sbagliata. Non c'è primavera senza Gioiuzza. Infatti dalla mia finestra si vede solo nebbia. Quindi, siccome ti aspettiamo, muoviti a rimetterti in forze, altrimenti mobilito la piattaforma di blogger per venirti a rimboccare le coperte a turno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Nocetta...sarò anche malata, ma mi sono commossa :)

      Elimina
  2. Quest'anno è stata cattiva: classi e luoghi di lavoro decimati, ma i primi timidi segnali stanno arrivando anche nell'umida bassa romagna. Auguri di pronta guarigione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce la metto tutta...ho voglia di respirare!

      Elimina
  3. Ho visto due primule nel prato... la primavera c'è già, almeno dentro di noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io le ho viste Mario!!! Ieri :)

      Elimina
  4. piccolo sgambetto primaverile... curati. un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Una pronta guarigione cara..
    Beccata in pieno anch'io! :(

    RispondiElimina
  6. Ti mando un dispaccio dai confini dell'impero d'occidente:qui sole, i cumoli di neve si stanno sciogliendo, un pericoloso paciugo insozza i nostri indumenti, ma noi indomiti attendiamo la primavera senza abbassare lo sguardo. Resisti! Abbiamo bisogno del tuo apporto fondamentale nella battaglia al generale Inverno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del dispaccio, collega.
      Appena il bilancio di quest'aspro combattimento volgerà a nostro favore, raggiungeremo le Vostre truppe al fronte...
      :)))))

      Elimina
    2. Non vedo l'ora :)Intanto, per ingannare il tempo, disegno cuori sui vetri appannati e tolgo i nasi/carota ai pupazzi di neve.

      Elimina
  7. no ma dico e andavi a scuola a spargere di bacilli gli infanti innocenti?
    delinquente di una teacher :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono loro che hanno contaminato me!!!!!!!! ;)

      Elimina
  8. E la pazienza da quando ti leggo non l'avevo ancora vista.

    RispondiElimina